Benvenuti nel sito della PROLOCO I.a.t.  l'associazione per l'accoglienza e promozione turistica di San Severino Marche, città d'arte nella provincia di Macerata situata nel cuore delle Marche.

 

                                                                       San Severino Marche città d'arte

 

La nostra associazione è iscritta all’Unione Nazionale delle Pro Loco d’Italia e all’Albo delle Pro Loco della Regione Marche.

 

 

Il "forastiere" che si avvicina a San Severino Marche percepisce come una forma omogenea il nucleo antico della città

 

 

fondata sulla cima del Monte Nero tra il VI e il IX sec. per accogliere la popolazione di Septempeda, centro di origine picena, poi municipio romano, situato nel fondovalle del fiume Potenza.

 

 

In questa zona, denominata "Castello", si trovano il Duomo Vecchio, costruito nel 944, riedificato nel 1061
e ampliato alla fine del sec. XII, con la facciata gotica dei primi del sec. XIV, il Chiostro del sec. XV e la Torre degli Smeducci della Scala

 

 

di forma quadrata, alta circa 40 metri, risalente al sec. XIII che serviva per difesa, per prigione e per segnalazioni alle altre torri dei numerosi castelli del territorio comunale: Aliforni, Castel San Pietro, Isola, Colleluce, Carpignano, Serralta, Pitino, di cui restano imponenti ruderi.

 

 

 

 

 

Nel sec. XIII gli abitanti del "Castello" scesero dal Monte Nero nella pianura sottostante, dando vita ad un nuovo nucleo urbano.
Risale a quest'epoca l'origine della Piazza del Popolo, una delle più belle delle Marche per la forma ellittica e l'unità architettonica, circondata da portici e da edifici rinascimentali.

 

 

Nel Palazzo Municipale, costruito nel 1764 su progetto di Clemente Orlandi, è visitabile il piano nobile e la collezione delle opere di Filippo Bigioli, pittore rappresentativo della cultura neoclassico-purista.
 

Sulla piazza si affaccia inoltre il Teatro Feronia, intitolato alla dea che secondo la tradizione
aveva a Septempeda un tempio.
Costruito tra il 1823 e il 1827, su disegno dell'architetto Ireneo Aleandri, il teatro ha l'interno interamente decorato e offre al visitatore una raccolta platea, tre ordini di palchi e il loggione.
Nel soffitto lo splendido lampadario ha sostituito l'originario rosone; particolarmente prezioso è il sipario del 1823.

 

In via Salimbeni, il cinquecentesco Palazzo Manuzzini ospita la Pinacoteca Civicav che custodisce opere di Lorenzo e Jacopo Salimbeni, Allegretto Nuzi, Paolo Veneziano, Lorenzo d'Alessandro, Vittore Crivelli, Bernardino di Mariotto, l'Alunno e il Pinturicchio.
 

 

Tra le basiliche e i santuari di rilievo religioso e artistico vanno annoverati San Lorenzo in Doliolo (secc. XI-XIV) e Santa Maria del Glorioso (sec. XVI).

 

 

Fuori le mura della città è visitabile Villa Collio, raro esempio di dimora neoclassica del maceratese.

 

 

San Severino Marche è culturalmente vivace e offre tutto l'anno un piacevole soggiorno per le bellezze artistiche, paesaggistiche e per le numerose iniziative promosse: prestigiose mostre d'arte, spettacoli estivi di danza, prosa e musica classica, a cui fanno da cornice i luoghi più belli e suggestivi della città.

Di particolare rilevanza il San Severino Marche Blues Festival, una qualificata stagione di prosa e il Premio Salimbeni per la Storia e la Critica d'Arte.

 


 

Scarica la guida di
San Severino Marche

Scarica la brochure
San Severino Terra di Tesori
san severino marche terra di tesori

Scarica la guida
dei percorsi Pro Loco
pro loco san sevrino marche itinerari turistici